29 maggio 2007

Shamanesimo siberiano: Cuore di Luna


Ai-Tchourek (Cuore di Luna) é una sciamana di Tuva, una potente guaritrice in grado di parlare con le stelle.
"..Per curare una persona io invoco la sua stella chiedendole di venire giù. Quando la stella appare un forte calore scende dall'alto riempiendo i miei occhi di lacrime. La sua forza venendo dal cielo obbliga ognuno a piegarsi al suolo."
Tuva é un paese molto antico di sciamani e cantanti che fanno uso degli armonici del suono. Situata tra le foreste della Siberia e i deserti centro asiatici , segna il centro dell'Asia.
L'alta catena montuosa del Sayan la protegge mantenedola pura e selvaggia. I tuvini amano la natura e vivono in armonia temendo l'ira dei potenti spiriti delle montagne.
"..per entrare in contatto con gli spiriti delle montagne e per fare loro piacere usiamo cantare alla maniera tradizionale usando gli armonici; le nostre melodie sono nate contemplando la vita, i suoni della natura, il canto degli uccelli, il fischio del vento nella steppa, le correnti che passano per le gole di montagna."

Tratto da www.corsodireligione.it
Per maggiori info sull'argomento:
www.siberianshamanism.com

22 maggio 2007

Guru Rinpoche alias Padmasambhava

















“Guru Rinpoche, uno dei più grandi yogi dell’India buddhista, è il fondatore del Buddhismo tibetano. È conosciuto come Padmasambhava (tib. Pema Jung-ne), cioè “Nato dal Loto”, e come Guru di Oddiyana. In Tibet è famoso come Guru Rinpoche, il Maestro Prezioso; i Tibetani lo riveriscono come il Secondo Buddha”.
La storia della sua vita è una formidabile sequenza di prodigi e imprese sovrannaturali; è una delle più miracolose rintracciabili in qualsiasi tradizione spirituale del mondo. Per comprendere questo, bisogna considerare che davvero – al di là di ogni retorica – i normali cinque sensi di cui siamo dotati in quanto esseri umani, e i nostri schemi di pensiero abituali, non sono assolutamente capaci (con tutta la buona volontà) di cogliere le infinite possibilità contenute in tutto ciò che appare ed esiste. Possiamo considerare Guru Rinpoche come uno di quegli esseri straordinari che irrompono di tanto in tanto nella nostra dimensione ordinaria, mettendo a soqquadro le consuete credenze abituali e le concezioni rigide. Molti di questi esseri straordinari (a cominciare da Gesù di Nazareth, per finire con tutti i mistici e santi di ogni tradizione spirituale) si sono manifestati all’unico scopo di portare beneficio agli esseri viventi, in accordo con la mentalità e la cultura del luogo e del tempo in cui sono apparsi (e in accordo con le predisposizioni karmiche degli individui). Per i buddhisti vajrayana, Guru Rinpoche è stato senza dubbio uno dei più grandi benefattori che la storia abbia mai conosciuto, il “Secondo Buddha” che si è manifestato dopo la scomparsa del Buddha storico (che aveva trasmesso principalmente gli insegnamenti generali dei Sutra) per propagare gli straordinari insegnamenti esoterici dei Tantra e dello Dzogchen.

Tratto dal sito www.vajrayana.it in cui potrete leggere la biografia completa. Clikkate QUI per andare al link esatto.

Tra le altre cose egli predisse la venuta del Karmapa: il capo spirituale della tradizione Karma Kagyu. Una delle principali scuole buddhiste del Tibet. Si è caratterizzata fin dall'inizio come lignaggio di trasmissione orale diretta dell'insegnamento da maestro a discepolo. I metodi Karma Kagyu risalgono al Buddha stesso, che li insegno' ai piu' vicini tra i suoi studenti; da allora, sono stati tramandati ininterrottamente attraverso i cosiddetti Mahasiddha dell'antica India: Padmasambhava (Guru Rinpoche), Tilopa, Naropa, Maitripa e i famosi yogi tibetani Marpa e Milarepa.
Per maggiori informazioni clikka QUI

17 maggio 2007

Aforisma: Buddha

"Tutto ciò che siamo è il risultato di ciò che abbiamo pensato."

Buddha

06 maggio 2007

Aforisma: John Belushi

"Quando pensi che a nessuno importi se sei vivo, prova a non pagare per due mesi la rata della macchina."
John Belushi

05 maggio 2007

Il mantello dell'invisibilità... da microonde


Il professor David R. Smith della Duke University di Durham, North Carolina, insieme al suo team di scienziati, conduce da qualche anno interessanti studi su materiali elettromagnetici insoliti che vengono chiamati metamateriali (nella foto in basso ce n'è un esempio). Finalmente in ottobre è stata fatta la prima dimostrazione di invisibilità allemicroonde di un oggetto avvolto da metamateriale. L'oggetto è stato irradiato con le microonde che anzichè venire riflesse sono state deviate dal metamateriale come se l'oggetto non ci fosse. Certo l'effetto con le microonde in un video non fa l'impressione che farebbe vedere un oggetto scomparire sotto i nostri occhi ma rappresenta comunque un inizio. Anche se devo dire, da profana, che mi sembra di vedere comunque un'attenuazione dell'immagine dopo l'oggetto ammantato che nello schermo senza oggetti invece non rilevo. Voi che ne dite? Sono troppo pignola? :P

04 maggio 2007

Riflessioni...


Nonostante le vicende del vivere quotidiano, la testa cerca la quiete, la riflessione. I pensieri hanno bisogno di elaborare, considerare, scegliere, scartare... difficile ascoltare la mente mentre si vive nelmondo. Nell'ascolto occorre il silenzio, la solitudine, estraniarsi. In ogni momento emergono altri sospiri, altre Voci che arrivano addirittura a sovrastare la Voce, catturano tutta l'attenzione e rendono inutile il silenzio; o almeno inutile per lo scopo prefissato inizialmente. Allora la riflessione avviene ad un livello più irrazionale, più nascosto alla censura della ragione. Cominciano ad accumularsi informazioni, quadri d'insieme, pezzi di puzzle apparentemente incompatibili che piano piano svelano i loro legami. Interazioni, causa-effetto, prospettive, significati nuovi ... tutto rimescolato finchè non appare sensato o l'impressione che lo sia.

"Ogni percezione può connetterci con la realtà correttamente e completamente. Ciò che vediamo non dev'essere per forza grazioso o particolare; possiamo apprezzare ogni cosa che esiste. C'è un certo principio magico in tutto, un non so che di vivo. Qualcosa che vive, qualcosa di reale, sta accadendo in ogni cosa."
(Chögyam Trungpa - © copyleft perle.risveglio.net)