Gertrude Bell, altro che veline!!!

Credo che in quest'epoca effimera ci sia bisogno di conoscere esempi forti e reali. Vi presento Gertrude Bell.

"Gertrude Bell nacque nel 1868 nell'Inghilterra vittoriana e crebbe all'ombra del più grande modello per l'Inghiltera di quell'epoca: la regina Vittoria. Tutto era predisposto affinchè vivesse una vita convenzionale. I genitori auspicavano per lei un futuro di buona moglie, brava madre e brava donna. Oltremodo intelligente, onesta e schietta (non propriamente le doti più desiderabili per una signora vittoriana), sarebbe diventata una delle persone più potenti dell'impero britannico. Fu la prima donna a laurearsi a pieni voti in storia moderna presso l'università di Oxford. Trascorse la vita viaggiando in lungo e in largo, e per due volte fece il giro del mondo. Fu una valente schermitrice e un'appassionata alpinista, tanto da essere una delle prime donne a scalare la vetta svizzera dell'Engelhorn.
A 23 anni si recò in Persia, dove si immerse subito nella cultura, nella storia e nella politica del mondo arabo. Imparò a parlare correntemente il persiano, studiò antropologia culturale e fece numerosi viaggi nel deserto, stringendo amicizia con gli sceicchi delle varie tribù nomadi e compiendo importanti scoperte archeologiche.
Con l'avvicinarsi della prima guerra mondiale, per la conoscenza diretta che aveva del Medio Oriente, i servizi segreti britannici richiesero la sua collaborazione e nel 1915 la inviarono all'Arab Bureau del Cairo. Fu anche membro della Mesopotamia Expeditionary Force a Bassora e Baghdad. Contro ogni convenzione, Winston Churchill la nominò segretaria orientale della British High Commission in Iraq. Nel 1921, lo stesso Churchill chiamò al Cairo i maggiori esperti di Medio Oriente per la conferenza che avrebbe deciso il futuro della Mesopotamia (Iran e Iraq). Vi parteciparono trentanove uomini (fra cui Lawrence d'Arabia) e una sola donna: Gertrude Bell. Gertrude non aveva iniziato con uno scopo o con un obiettivo specifico. Non aveva in progetto di diventare un'esperta del mondo arabo. Aveva trovato la sua vocazione seguendo con passione il desiderio di conoscenza e di avventura. La passione e lo spirito provocatorio di indipendenza le avevano aperto uno straordinario percorso di traguardi inauditi per le donne della sua epoca. Sul New York Times si scrisse di lei: -Le donne inglesi sono strane. Sono forse le più grandi schiave delle convenzioni che esistono al mondo, ma quando decidono di andare controcorrente, lo fanno con grande forza-.
Ci vuole coraggio per seguire la propria strada. Molti hanno già altri progetti per noi. Gertrude Bell è diventata la Regina del Deserto perchè ha rotto con le convenzioni e ha seguito con determinazione il suo cuore. E' quello che fanno i leader straordinari."

Tratto da "Il ruggito della mucca viola" clikka QUI di Seth Godin e il gruppo dei 33
8 commenti

Post più popolari