L'esperienza "sintetica" di Maxwell Maltz


Maxwell Maltz è un chirurgo estetico che osservando e ascoltando i suoi pazienti ha capito alcuni meccanismi della psiche. Alcuni di loro, dopo un intervento chirurgico perfettamente riuscito, si comportavano come se non fosse avvenuto alcun mutamento esteriore. Il concetto mentale e spirituale di se stessi non era mutato e questo significava che era proprio lì il fulcro del cambiamento. Ma cosa formava l'opinione di se stessi? Cosa poteva mutarla?
"L'immagine dell'io viene cambiata, in meglio o in peggio, non dal solo intelletto né dalla sola conoscenza intellettuale, ma dalla 'esperienza'. Ma se non si possono sperimentare situazioni positive come migliorare la propria immagine? Di qui il principio di base su cui Maltz costruisce i suoi metodi: "il sistema nervoso umano non può stabilire la differenza tra un'esperienza 'fatta' e un'esperienza immaginata intensamente e nei minimi particolari".
Ne avevate già sentito parlare? Può essere, visto che il libro è stato pubblicato la prima volta nel 1960. Probabilmente il precursore di molti metodi moderni ed ormai collaudati di addestramento al successo.
Per leggere la recensione del libro e l'opinione di chi l'ha letto vedi QUI la scheda bol.it
15 commenti

Post più popolari